Breaking News

CONSUMISMO COMPULSIVO, LA RISPOSTA IN MUSICA DEI I 3NEMA

Dopo aver valicato i confini dei limiti interiori ed aver spezzato, a suon di elettro-pop-rock, le catene dei timori e degli auto-sabotaggi personali in “Psychedelic”, i 3nema tornano a scandagliare le dinamiche della società contemporanea sotto la lente di riff e rullanti in “Money”, il loro nuovo singolo

Con la sottile e pungente arguzia che li contraddistingue, sorretta da un’indiscutibile eleganza comunicativa, la band gardesana punta il dito e i riflettori sulla spasmodica rincorsa al soldo che contraddistingue i giorni nostri e sul valore, eccessivo, distopico e fuorviante, attribuito al denaro, in particolare da parte delle nuove generazioni che, plasmate dalla malia di un modello sociale alterato e irrealistico, spesso promulgato da social e mass media, appaiono sempre più ossessionati da un arricchimento monetario finalizzato a se stesso, a discapito di tutta quella serie di esperienze e riflessioni che consentono di riconoscere i soldi come un mezzo e non un fine, uno strumento e non una meta.

«Malati per i soldi, lavori tutti i giorni, ti spendi tutti i soldi e a fine mese torni con i portafogli sgonfi», è uno dei passaggi più rappresentativi dell’intero brano, da cui si evince, attraverso un’analisi purtroppo non lontana dall’istantanea sociale moderna, non soltanto il maniacale e morboso attaccamento al denaro capace di sfociare nel patologico, ma anche e soprattutto l’utilizzo impulsivo, compulsivo e avventato che se ne fa, la cui conseguenza è il rovinoso tracollo, non soltanto dal punto di vista delle finanze, ma prevalentemente e principalmente sotto l’aspetto emotivo e psicologico.

Sin dall’intro, il sound ammiccante e coinvolgente del pezzo accompagna l’ascoltatore in una dimensione audiovisiva ambivalente in cui, se da un lato risulta semplice ed immediato immedesimarsi in una condizione di potere, tra lusso e pseudo-benessere, dall’altro, rende istantaneamente nitido come tutto ciò che proviene dal mero acquisto e dalla smania di possesso, non possa portare ad altro che ad una situazione di finta gioia, una felicità effimera e frammentata che, sul lungo periodo, se non sostenuta da un obiettivo che ne permea senso e prestigio, rischia di trasformarsi in un avvilimento costante, in un’agiatezza di facciata dietro cui si cela una profonda inadeguatezza interiore.

Nella seconda strofa, con quel «non dirmi che i tuoi sogni sono morti, a fine mese con la busta svuoti tutti i portafogli», il trio bresciano ci ricorda l’importanza di mantenere vivi passioni e desideri, allontanandoci dalla frenesia di sostituire impegno, sacrificio e dedizione con beni materiali che fungono da surrogati momentanei e irrilevanti.

«”Money” – dichiarano i 3nema – parla dell’uso smodato che la gente fa dei soldi, soprattutto le generazioni più giovani, e del modo in cui le persone li cercano e li inseguono, con ossessione. È quasi come se nel mondo esistesse solo il denaro. Sembra che la felicità si nasconda dietro banconote con cui acquistare capi firmati e macchine di lusso, facendosi vedere dagli altri. I soldi..Sono indispensabili? Si, senza dubbio, altrimenti non potremmo vivere. Ma…Sono loro a renderci felici o sono un mezzo che ci permette di rendere la nostra vita migliore, acquistando ciò che davvero vogliamo e di cui necessitiamo? La vera felicità è composta di emozioni e quelle non si comprano».

Accompagnato dal videoclip ufficiale, in uscita nel corso delle prossime settimane, diretto da Greysproduction e girato tra Castiglione delle Stiviere e Desenzano del Garda, “Money” segna una nuova tappa della 3nema Way, riconfermando la minuziosa ricerca sonora della band e la loro attitudine a miscelare generi e sonorità mantenendo una raffinatezza espressiva che gli consente di raccontarsi senza filtri al pubblico di ogni fascia di età.

Check Also

LUCIA FILACI, LA FANTASIA CHE DA VOCE AL JAZZ

La compositrice e jazz vocalist che ha da poco pubblicato il suo primo album è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *