Breaking News

Comusì: Coesione Musicale Siciliana – Un Ponte Tra Tradizione e Innovazione

Comusì nasce da un’idea di Giuseppe Strazzeri, patron della Mhodì Music Company e condivisa già da molti artisti siciliani, al fine di colmare l’esigenza di riunire il meglio della musica made in Sicily in una sorta di cordata per la conoscenza e promozione delle sonorità isolane

In Sicilia, se incontri un amico, dopo il classico ciao, è naturale chiedergli “comu si”, una domanda che in realtà è un invito a condividere il proprio stato d’animo, un’opportunità di dare un nome alle emozioni provate in quel momento.

“COMUSI’”, però, oggi diventa anche l’acronimo di “COesione MUsicale SIciliana”, un’iniziativa che mira a promuovere e diffondere la musica, senza esclusione di genere, dei talentuosi artisti siciliani che si esprimono sia in lingua italiana sia in quella siciliana.

Comusì nasce da un’idea di Giuseppe Strazzeri, patron della Mhodì Music Company e condivisa già da molti artisti siciliani, al fine di colmare l’esigenza di riunire il meglio della musica made in Sicily in una sorta di cordata per la conoscenza e promozione delle sonorità isolane. Un’occasione di cooperazione per tutti coloro che riconoscono l’importanza del “Suono dell’Identità Siciliana”.

Per affrontare la Sfida, infatti, è fondamentale la collaborazione tra gli artisti, i professionisti della comunicazione, della televisione e delle radio, i giornalisti, gli esperti di comunicazione web, i quali sono chiamati a svolgere un ruolo critico nel garantire l’accuratezza, l’equità e la trasparenza nella diffusione delle opere musicali.

Ecco perché “Comusì” si pone come strumento libero da condizionamenti politici e inclusivo, rivolto a tutti gli operatori del settore ma anche a tutti coloro, anche semplici appassionati, che vogliono approfondire e conoscere il ricco panorama musicale attuale.

Comusì si propone come catalizzatore per la creazione di un gruppo coeso diretto a ottenere il riconoscimento del valore culturale e commerciale che gli artisti siciliani meritano, attraverso lo scambio di conoscenze reciproche, contribuendo, in maniera fattiva, alla valorizzazione e diffusione artistica.

Già online il sito “comusi.it”, entro il quale si possono apprendere le iniziative in corso e quelle in cantiere, prima tra tutte la petizione, lanciata nel febbraio 2024, per richiedere alla piattaforma digitale Spotify la creazione di una playlist editoriale in lingua siciliana, importante tassello per superare la confusione che, erroneamente, fa ritenere l’evoluzione della musica in lingua siciliana assimilata alla musica partenopea o a quella neo-melodica, nonostante queste ultime abbiano evidenti origini diverse e siano chiaramente estranee alla tradizione musicale dell’isola e a quella dei suoi cantastorie.


Pertanto, come il mito di Colapesce che sostiene la Sicilia, ecco le tre colonne su cui sostenere e promuovere la Cultura Musicale siciliana.

Appartenere – Condividere Obiettivi Comuni

Cooperare – All’interno di un sistema di supporto

Essere – portavoce regionale e all’interno dei confini nazionali ed internazionali

Check Also

RETTORE, MIETTA E TATANGELO: QUANDO LE RADIO BOICOTTANO LA CREATIVITA’

Tra pop, easy listening e urban le tre artiste unite da un filo rosso per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *