Breaking News

DA JAMES BOND A JIMI HENDRIX FINO ALL’AVANGUARDIA JAZZ, SESSANTANNI DI MUSICA CON RAY RUSSELL/L’INTERVISTA

Mediafrequenza incontra lo storico chitarrista inglese che ha condiviso il palco con i migliori big del rock mondiale. Un dottorato sull’improvvisazione tra i riconoscimenti di una carriera che ha ancora molto da dire

di Davide Iannuzzi

Nato a Islington nel nord di Londra, il chitarrista e compositore Ray Russell vanta una carriera artistica che dura da oltre sessant’anni, nel corso dei quali ha brillantemente svolto il ruolo di autore, con una produzione di 16 album in proprio, e quello di side man, collaborando con iconici artisti come Paul Mc Cartney, Van Morrison, Phil Collins, David Bowie e Art Garfunkel, solo per citarne alcuni. La sua fama di sperimentatore e di innovatore nel modo di suonare la chitarra, grazie ad una commistione stilistica di jazz, rock, R&B e prog, raggiunse anche l’Italia, quando alla fine degli anni settanta fu chiamato a collaborare alla registrazione di quel quattordicesimo e Il fortunato album di Lucio Battisti intitolato “Una Giornata uggiosa”, in cui, oltre a Russell, c’erano musicisti di calibro internazionale come il sassofonista Mel Collins e il chitarrista Phil Palmer. Evidentemente attratto da sfide multiformi e trasversali Ray Russell ha saputo affermarsi nel mondo del cinema firmando l’esecuzione del celebre tema di James Bond quando, nei primi anni Sessanta, faceva parte dei John Barry Seven, e in teatro, lavorando al musical di Andrew Lloyd Webber “Evita” del 1978. Ha ricevuto un prestigioso riconoscimento sotto forma di PhD dalla Leeds Beckett University sull’improvvisazione con la sua tesi dal titolo “Fluid Architecture”, che anni dopo avrebbe ispirato il titolo del suo ultimo album pubblicato nel 2020. Più che mai determinato a percorrere ancora molta strada, Ray Russell sta già lavorando al suo prossimo album, il diciassettesimo. Lo abbiamo incontrato per parlare di questo e per farci raccontare alcuni aneddoti legati alla sua straordinaria carriere. Ve ne anticipiamo un paio: un incontro con sua maestà Jimi Hendrix e il salvataggio di un cane afgano che ha poi ispirato una sua canzone.

E’ difficile trovare un punto da cui partire, nella vastità della tua carriera iniziata nel 1962. Proviamo a partire dal dottorato che hai ricevuto presso la Leeds Beckett University, un riconoscimento alla tua instancabile ricerca sonora e alla natura dell’improvvisazione. Cosa esprime questo riconoscimento del tuo lavoro?

è davvero un’analisi empirica dell’esperienza di gruppo. In questo contesto è la creatività cognitiva in studio di registrazione. Ho passato metà della mia vita a registrare e ad entrare. Fare una traccia nel migliore dei modi. Quindi il dottorato è un corpus di lavori con interviste e tracce che mostrano il modo in cui reagiamo spontaneamente l’uno all’altro attraverso suggerimenti e movimenti del corpo. Prendendo la composizione come punto di partenza e creando il flusso di idee attorno ad essa.

La tesi con la quale hai ricevuto questo riconoscimento si intitola Fluid Architetture; da dove proviene questo concetto applicato alla musica e in cosa consiste?

Il filosofo Goethe diceva che l’Architettura è musica congelata, quindi la musica è come l’Architettura Fluida. Joni Mitchel ha usato l’ultima metà di questa frase per descrivere la musica. Nessun flusso, nessuna connessione.

In cosa consiste l’arte di improvvisare, e in che misura creatività e preparazione tecnica e teorica devono coesistere?

ascoltare, reagire nel quadro della composizione. La preparazione è il tempo di riflessione che di solito è tra l’ascolto di un demo e l’inizio della registrazione. È quel rimuginare la melodia per vedere cosa tu e il gruppo gli apportate. La parte principale è dargli una firma sonora che è in parte individuale e come il gruppo ha esteso le idee in un risultato con cui il compositore e il produttore si relazionano e sentono di poter lavorare.

Fluid Architetture è anche il titolo del tuo ultimo album del 2020; cosa rappresenta per te questo disco?

Come sai, non faccio un album ogni anno, mi piace pensare di avere nuove idee e forza nella composizione. Stavamo entrando nel sound design in un modo armonico che può essere esaltante. Era un collage di alcuni vecchi brani con nuovi suoni su una gabbia di sei corde. E alcune delle altre tracce sono andate in alcuni luoghi inaspettati. Questo rende i campi armonici più interessanti.

Jazz musician Tony Roberts celebrates his 70th birthday by playing in a series of sets with musically talented friends and family. Bridport Arts Centre, Bridport, Dorset. 27/05/07

Oltre a essere caratterizzato da una vasta ricchezza sonora questo album racchiude anche alcuni aneddoti, tra questo il brano intitolato “The Conversation” ispirato a un tuo lontano incontro con Jimi Hendrix; puoi raccontarci cosa accadde?

Facevo parte di una band che era in tour con Cat Stevens. Eravamo in Scandinavia. I Walker Brothers erano l’headliner, poi il signor Stevens e Jimi. Naturalmente Jimi arrivò per primo e fece suo il concerto! Era fantastico.

Più tardi quella notte sentii battere alla finestra del mio hotel. Era Jimi chiuso fuori dall’hotel. Per fortuna ero al piano terra. Lo feci entrare, l’hotel non era aperto 24 ore quindi se si usciva bisognava avere la chiave della porta! Gli preparai una tazza di tè inglese che era la sua preferita. Abbiamo parlato della vita in realtà. Suonava la mia chitarra e parlava dei jazzisti che ascoltava. Una gamma molto ampia di musica e se fosse vissuto più a lungo penso che sarebbe stata registrata molta più musica orientata al jazz. Comunque verso le 3.30 del mattino se ne andò a cercare la sua stanza.

Pensi che Jimi Hendrix avrebbe potuto suonare Jazz?

lo sapeva, sapeva di John Coltrane, poteva suonare così

Visto che siamo in tema di aneddoti vale la pena citare il brano ispirato al salvataggio di un cane durante la guerra in Afghanistan intitolato “Moon Dog”, puoi raccontarci questa idea?

Mia moglie Sally stava aiutando un centro di soccorso in Afghanistan. Per coincidenza, un mio amico ha messo una foto di questo cane tigrato randagio che in seguito abbiamo chiamato Brin. Ha catturato Sally emotivamente mentre i fucili Gurkha se ne stavano andando e potrebbe essere di nuovo un soggiorno. Aveva salvato vite annusando I.E.D. Esplosivi notando minuscole differenze nel terreno dove li nascondevano. Abbiamo iniziato una grande ricerca di fondi nel Sussex, dove vivevamo, e ho fatto interessare i media.
Abbiamo raccolto abbastanza per riaverlo indietro, il che è stato un viaggio pericoloso.

Era molto placido anche se era un cane da guerra, aveva questo sguardo che illuminava i suoi occhi gialli così ho scritto Cane luna come riflesso del suo sguardo profondo.

Orchestra Gil Evans. Royal Festival Hall 1983

Molti artisti internazionali stanno lanciando nuovi singoli per sostenere la resistenza ucraine, pensi che la musica possa davvero contribuire a mediare la pace?

Può aumentare la consapevolezza e fare soldi. A parte questo, dobbiamo sperare in un futuro in cui gli psicopatici non siano al potere. Sembra una contraddizione, Ma il cambiamento parte da dentro.

Quale è il segreto che in tanti anni di carriera ti ha permesso di mantenere in perfetto equilibrio gli impegni come Solista, turnista e sperimentatore?

beh, non è sempre stato facile, ma amare quello che fai aiuta. Registro parte della musica a casa in modo da poter doppiare e mixare. Fortunatamente per me ho potuto farlo durante il lockdown del Covid.

Ray Russell – 30 Miles out – YouTube

Tra gli artisti con cui hai lavorato in studio e live ci sono nomi come Paul McCartney, Cat Stevens, Van Morrison, Bryan Ferry, David Bowie, Phil Collins, Scott Walker, Art Garfunkel, Marvin Gaye, Tina Turner, di chi fra tutti questi conservi un ricordo particolarmente caro?

Mi piace menzionare un giorno particolare nella vita di un musicista che registra. Ho iniziato alle 8 del mattino e ho fatto un jingle (musica per la pubblicità televisiva) fino alle 9 del mattino. Non chiedetemi cosa fosse… poi in studio I per una sessione di sei ore con Andy Williams che suonava standard. Questo comportava un sacco di lettura a vista che era molto lontana dal rock o dal pop, così mi sono messo a leggere intensamente per sei ore dal vivo con una grande orchestra. Andy sembrava soddisfatto e io lasciai lo studio sentendomi realizzato. Eravamo così impegnati in quel periodo che avevamo un roadie comune che si assicurava che la nostra attrezzatura fosse lì per la sessione successiva. Dovevamo avere due set e io prendevo solo la mia chitarra. Così ora sono le sette, io e la mia allora fidanzata Sally siamo andati a piedi al club di Ronnie Scott dove ho suonato un set esilarante con la Gil Evans Orchestra. Una band brillante. Non è noto a tutti che Jimi morì poco prima di registrare con Gil. Gil fece degli arrangiamenti stupefacenti dei brani di Jimi. Così li abbiamo suonati da Ronnie. Mi sono sentito onorato.

Ora sono le tre del mattino. Andiamo a piedi agli studi della CBS per registrare con Tina Turner. Gli Heaven 17 e il produttore Greg Walsh erano lì a sistemare.

Stavo lavorando al nuovo album degli H17 e Greg ed io ci ricordavamo di alcuni grandi dischi che avevamo fatto insieme. La canzone “Let’s stay together” la vecchia canzone di Al Green. Avevamo una traccia di base e Tina voleva stendere la voce come guida. Beh, la guida, la prima ripresa della sua voce era il maestro.

Mi sono venuti i brividi lungo la schiena, era così grande. Ho messo la mia chitarra che era come una domanda e una risposta alla sua voce e ho doppiato un po’ di ritmo. Sally e Tina stavano parlando tranquillamente in un angolo. Tina era così naturale. Sono diventate amiche.

La tua vasta produzione musicale include anche diverse collaborazioni per il cinema; come è nato il tema di James Bond?

Il tema di James Bond è stato composto da un pianista chiamato Monty Norman. In origine il chitarrista Vic Flick era nella band. La storia del tema è questa – John disse a Monty e Vik che aveva chiesto di scrivere qualcosa di “pericoloso” per questo film di spionaggio. Monty ha suonato quelle note di apertura come un’idea e Vik ha suonato una versione di quello che oggi è il riff di chitarra più famoso. John ha scritto la parte centrale e ha messo tutto insieme. Mi sono unito dopo che Vik se n’è andato. Questa è un’altra storia per un’altra volta, ma è così che sono diventato professionista. Ho fatto dieci film, 2 tour e album da solista di John.

Hai lavorato anche alla colonna sonora di Evita. Come ti sei calato in quel contesto?

l’idea che una storia su Eva Peron sarebbe diventata un grande successo era una forzatura. Mo (Mo Foster ndr), Simon Phillips e io, insieme a Joe Moretti e un’orchestra, abbiamo passato un mese a riprodurre quelle canzoni. Julie Covington ha cantato Evita come se la possedesse. Dopo molti momenti artistici tesi Andrew era felice. In tutte e cinque le settimane nell’Olympic Studio Uno. Esausto.

Cosa hai provato pensando al recente abbandono alla scena musicale di Phil Collins?

Tragico. Molti problemi, ma sembra che stia scrivendo, il che è fantastico.

Tra le tue innumerevoli collaborazioni ce n’è una con uno dei nostri maggiori artisti italiani, Lucio Battisti. Come nacque tale incontro?

Questo è stato attraverso Greg Walsh che stava producendo. Abbiamo registrato alla RCA di Roma. Siamo stati benissimo, ci ha presentato la sua famiglia e in vero stile italiano siamo stati trattati come una famiglia per tutto il tempo che eravamo lì.

A due anni da “Fluid Architetture”, con cosa tornerai a sorprenderci?

Ci sto lavorando. Sarà tutto in diretta di sicuro. Forse una prima linea di Tromba, Contralto e Trombone. Sto scrivendo ora. Così presto spero.

Un ringraziamento speciale a Fabrizio Ragonese

Check Also

NEJA ALL’ARENA DI VERONA DOPO 23 ANNI

Con “Restless”, indimenticabile hit degli anni ’90, sarà tra le protagoniste della terza serata di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *