Breaking News
Home / Attualità / ‘MARE PULITO’ E IL RUOLO IMPRESCINDIBILE DELLA GUARDIA COSTIERA

‘MARE PULITO’ E IL RUOLO IMPRESCINDIBILE DELLA GUARDIA COSTIERA

Lo spot istituzionale RAI supportato dalla voce di Luca Ward per sensibilizzare i cittadini alla tutela dei mari

di Damiano Rulli

Con l’approssimarsi della stagione estiva e con l’esponenziale incremento di turisti nelle acque e lungo le coste di tutta Italia la Guardia Costiera, per sensibilizzare tutti noi sul prezioso ruolo che svolge, ha iniziato una nuova campagna di comunicazione istituzionale in onda sui canali radiotelevisivi della RAI.

Lo spot, attraverso la voce di un testimonial d’eccezione, il noto attore e doppiatore italiano Luca Ward ( sua la voce di Russell Crowe ne “Il Gladiatore”), si prefigge di richiamare l’attenzione del grande pubblico sul numero telefonico “1530” per segnalare le emergenze in mare, attraverso una serie di immagini che descrivono le attività della Guardia Costiera, sempre rivolte a garantire la sicurezza in mare e il regolare svolgimento delle attività ricreative e commerciali, nonché la tutela dell’ecosistema marino.

In relazione a quest’ultima importante attività in occasione della campagna “Mare Pulito” sommozzatori dei Nuclei sub della Guardia Costiera insieme a centinaia di subacquei volontari hanno raccolto indicativamente 8,5 TONNELLATE  di rifiuti nei porti, porticcioli, darsene ed aree di pregio ambientale di diverse regioni costiere d’Italia.

Tra il materiale rimosso dai fondali – che sono stati così bonificati – anche pneumatici di auto e camion, attrezzi da pesca, sacchetti, bottiglie e materiale plastico, sedie e lettini da spiaggia, guanti e stoviglie monouso, mascherine, fusti metallici, cassette, materiale elettronico di risulta, cime d’ormeggio e batterie esauste. Ancora, diverse “reti fantasma”, abbandonate sul fondo del mare e dannose per l’ambiente marino.

Check Also

Le risposte a tutte o quasi le fake news sul COVID-19

Alle destabilizzanti e contrastanti notizie circa la trasmissione del virus ecco perentori chiarimenti dell’Istituto Superiore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *