Breaking News
Home / Cinema / STATE COMODI, ARRIVA IL CINEMA DEI MOVIMENTI SOCIALI

STATE COMODI, ARRIVA IL CINEMA DEI MOVIMENTI SOCIALI

Riflettori puntati sui movimenti collettivi a carattere politico -sociale, nella quarta edizione di “Progetto e le Forme di un Cinema Politico”

Giunge al quarto anno l’appuntamento organizzato dalla Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD) insieme alla Fondazione Gramsci, incentrato sul “Progetto e le Forme di un Cinema Politico”. Quest’anno l’iniziativa, che prevede una serie di conferenze e proiezioni, sarà organizzata in remoto e avrà come tema “Il Cinema dei Movimenti”, un excursus che ha l’obiettivo di provare ad esaminare la portata e il significato di tutti quei “fatti” e momenti collettivi a carattere politico-sociale che nel corso degli ultimi decenni hanno coinvolto migliaia di persone, di giovani e di nuovi soggetti della comunicazione, dell’informazione e del cinema nel suo complesso.

Nella individuazione dei movimenti sono stati presi in considerazione quelli che hanno manifestato una loro intenzione di raccontarsi in modo alternativo rispetto alle narrazioni dei media ufficiali: tra questi verranno analizzati i movimenti per la pace e i movimenti ambientalisti, il G8 di Genova, “i girotondi”, il movimento delle donne, fino all’attuale movimento Fridays for future, per l’ambiente e per la salvezza del pianeta.

Ad aprire l’iniziativa, mercoledì 25 novembre sulla pagina Ufficiale FB e sul canale YouTube di AAMOD, sarà una conferenza di presentazione alla quale parteciperà il gruppo di lavoro insieme ad alcuni ospiti e ricercatori: online, a partire dalle ore 16:30, si spiegheranno le trame del progetto e si approfondiranno alcune argomenti ed opere cinematografiche sul tema. In collegamento ci saranno: Vincenzo Vita, presidente della Fondazione AAMOD, i curatori del progetto Pietro Montani e Giovanni Spagnoletti, il regista Daniele Vicari, la studiosa Alma Mileto, Daniele Gennaioli dell’associazione “Scomodo” (la redazione under 25 più grande d’Italia) e la coordinatrice dell’intero progetto, Paola Scarnati. Nell’ambito della conferenza verranno mostrati contributi video sul G8, sul fenomeno Greta e materiali prodotti da Scomodo.

La rassegna cinematografica, in programma poi il 9 e 10 dicembre sempre sulla pagina FB e sul canale YouTube dell’AAMOD, prevede una serie di dibattiti tra autori, studiosi e critici, con relativa proiezione di film documentari e film fiction a tema.

A concludere, lunedì 14 dicembre, in collaborazione con l’Università Roma Tre – Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo, sarà organizzato un seminario di approfondimento sulla ricerca della produzione cinematografica sui movimenti, sul valore della documentazione audiovisiva per lo studio della storia contemporanea, sulle pratiche della rivoluzione digitale, e sul lavoro svolto anche per progettare iniziative future.

IL CINEMA DEI MOVIMENTI è un’iniziativa realizzata dalla Fondazione AAMOD e Fondazione Gramsci, in collaborazione con Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Casa del Cinema di Roma, Istituto Luce Cinecittà, Sapienza Università di Roma e Università Roma Tre.

Ufficio stampa AAMOD: Elisabetta Castiglioni – info@elisabettacastiglioni.it

Check Also

TULIPANI DI SETA NERA DA RECORD: OLTRE 400MILA VISUALIZZAZIONI SU RAI CINEMA CHANNEL

BOOM ANCHE SUI SOCIAL, CON 85MILA CONTATTI, OLTRE 16MILA INTERAZIONI E 7.700 VISUALIZZAZIONI IN SOLI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *