Breaking News
Home / Sport / LA JUVE SUPERA LA PROVA DEL 9

LA JUVE SUPERA LA PROVA DEL 9

36mo scudetto per i bianconeri che ora sognano la Champions. Per i restanti sogni tutto il 120 minuti

di Davide Iannuzzi

Non sono certo mancate in questo campionato le polemiche per la Juve di Sarri, quella delle personalità forti difficili da plasmare e di un gioco mai emerso, lontano ricordo che faceva stropicciare gli occhi ai tifosi di un Napoli anti Juve di ieri. Ma il nono scudetto arriva comunque, e con due giornate di anticipo. Dopo il ko con gli omonimi bianconeri dell’Udinese Sarri festeggia il suo primo scudetto italiano con un tranquillo 2 – 0 sulla Smpdoria. A sbloccare il risultato è il solito Ronaldo che segna allo scadere del primo tempo, ma fallisce un rigore nella ripresa lacsciando il posto nella classifica dei cannonieri a Ciro Immobile che sale a + 3 mettendo a segno una tripletta a Verona, ipotecando così la vittoria della scarpa d’oro. Il sigillo di Bernardeschi, tornato al gol in serie A dopo due anni proietta i bianconeri alla Champions e consegna a Sarri il secondo vero trofeo consecutivo, dopo quello dell’Europa League vinta lo scorso anno con il Chelsea.

In ballottaggio ora secondo e terzo posto con l’Inter a quota 76 punti e Atalanta e Lazio appaiate a 75. Nell’anno della dea bergamasca del calcio totale a suon di gol che avrebbe fatto arrossire l’Olanda di Cruyff e Neskens si spengono i sogni di gloria dell’aquila biancoceleste principale antagonista dei bianconeri, con un solo punto di distanza dalla vetta alla ripresa del campionato dopo i tre mesi di stop. Con la Coppa Italia in tasca contentino al Napoli che aveva riposto le sue legittime ambizioni già nel disastroso girone di andata con l’esonero di Ancelotti e buone vibrazioni e all’Inter dell’esigente Conte che al secondo posto avrebbe forse preferito un altro anno sabatico. Energia positiva per il ritrovato Milan di Pioli e dell’intramontabile Ibra già vicino a un nuovo accordo con il club rossonero. La Roma di Fonseca che supera la Fiorentina con un doppio Veretout dal dischetto deve blindare il 5 posto nelle prossime due trasferte, entrambe a Torino per scongiurare i preliminari di Europa League. Ma la seconda competizione europea acquista forma per la lupa capitolina come obiettivo di una difficile ma non impossibile impresa. L’occasione del riscatto e chiusura con i botti del sogno americano diventato incubo per l’assenza prolungata di trofei, ma anche per l’accesso di diritto in Champions con i conseguenti risvolti economici in entrata. L’Europa fa ancora sognare le italiane nonostante il desolante scenario degli spalti svuotati. Sono quattro le squadre che si accingono a riprendere le competizioni europee, con Juve e Napoli in Champions e Inter e Roma in Europa League. C’è spazio per sognare almeno uno scontro diretto nelle due competizioni e quantomeno il trionfo finale di una squadra italiana. Ma anche la possibilità di una convergenza di risultati suggestiva e paradossale. Se a trionfare in Europa fossero Napoli e Roma la quarta classificata in serie A perderebbe il diritto di ingresso in Champions il prossimo anno.

Check Also

MOTO GP, UN “DOVIZIOSO” AUTOESAME PER LA DUCATI

Il Team Manager Davide Tardozzi in esclusiva per Mediafrequenza. Risultati non soddisfacenti ma è pronta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *