Breaking News
Home / Attualità / COVID-19, DIECI SETTIMANE E VIA?

COVID-19, DIECI SETTIMANE E VIA?

Il matematico Isaac Ben Israel è sicuro, il virus si estingue in un ciclo a prova di calcolo

di Damiano Rulli

In tutto il mondo scientifico hanno suscitato scalpore le dichiarazioni del professor Isaac Ben Israel, uno dei maggiori matematici e analisti d’Israele, presidente dell’Agenzia Spaziale Israeliana. Secondo il prof. Ben Israel i contagi del Covid-19 si esauriscono da soli in circa 10 settimane a prescindere dalle restrizioni prese per impedirne la diffusione.

Tale dichiarazione ha avuto un ampio risalto mediatico e causato molte polemiche, lasciando tanti dubbi nell’opinione pubblica. Per avere conferma di quanto riportato sul timesofisrael.com, da cui abbiamo tratto questa notizia, ci siamo rivolti direttamente al Prof. Isaac Ben Israel che ci ha rilasciato la seguente dichiarazione: “ quello che ho effettivamente detto è che il numero di nuovi casi giornalieri raggiunge un picco dopo 6 settimane per poi diminuire e più o meno scomparire dopo 8-10 settimane dall’inizio.”

A conferma di ciò il prof. Ben Israel ha pubblicato sul suo profilo Facebook un studio con grafici che potete leggere in ebraico al seguente link https://drive.google.com/file/d/1rkM9YI-ZviHAHUblcMv3w7vQSmDw7EXC/view.

È interessante notare come confrontando i dati e le statistiche dei paesi che non hanno applicato rigide misure di quarantena con quelli che invece hanno limitato le libertà individuali (come l’Italia) lo schema è sempre lo stesso: il picco di contagi si raggiunge dopo sei settimane per poi quasi scomparire del tutto ad 8-10 settimane dall’inizio dell’epidemia.

Se tale studio troverà conferma le domande che sorgeranno saranno molte soprattutto sull’origine del coronavirus: il Covid-19 è comparso in natura da solo o è stato creato in laboratorio? Domanda non da complottisti visto che a lanciare questo importante interrogativo è la CNN americana, non un blog qualsiasi.

Check Also

“Il ritorno a scuola farà bene (anche) alla vista”

Gli oculisti dell’IRCCS contro la “computer vision syndrome” raccomandano il ritorno a libri e lavagne …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *