Breaking News
Home / Attualità / PASOLINI E L’ARTE DI VIVERE IL QUARTIERE

PASOLINI E L’ARTE DI VIVERE IL QUARTIERE

Lunedì 18 novembre a Palazzo Merulana “Per non dimenticare la nostra cultura

Avrà inizio alle ore 18 con partecipazione gratuita fino a esaurimento posti l’evento che si articola in due significativi momenti e che si annuncia un vero full immersion sulla vita e le opere del Poeta delle ceneri.

L’apertura sarà affidata alla proiezione “Un intellettuale in borgata” di Enzo De Camillis (2014, 78′) «Raccontiamo Pier Paolo Pasolini, gli anni vissuti nel quartiere di Monteverde, i suoi pensieri, i primi anni della sua storia artistica, della sua attività intellettuale come poeta e come cineasta. Uno spaccato della sua vita con le contraddizioni culturali e sociali, in una
città in evoluzione, ma ancora radicata in un mondo popolare non emancipato. Raccontiamo la sua ricerca continua come poeta sull’onestà colturale delle borgate, contrastate dal governo di quegli anni con i malesseri interni e le rigidità intellettuali, con i preconcetti e i limiti sulle diversità». Con la partecipazione straordinaria di Leo Gullotta il film viene riconosciuto con un Premio Speciale Festival Internazionale del Documentario Libero Bizzarri

  1. Primo premio miglior documentario al festival Omovis di Napoli e premiato al Festival RIFF di Roma. Il film è stato proiettato in diverse città italiane e, con la collaborazione del I.I.C. all’Estero a: Stoccolma, Lisbona, Sofia e nel 2018 in la collaborazione del C.S. di Cinematografia ha allestito una mostra fotografica con 130 scatti, mostra accompagnata dalla proiezione del film e alla presentazione del libro “P.P. Pasolini: Io So…” presso il Centro Culturale Borges di Buenos Aires, a Rosario e Santa Fè.
  2. Ore 19.30 Presentazione del libro “ P. P. Pasolini Io So…” Edito Arduino Sacco, con un dibattito aperto dal titolo: “La censura degli anni ’60 è la stessa di oggi? E se cambiata, come?” Incontro con: Andrea Valeri (Direttore del Palazzo Merulana), Enzo De Camillis (regista e autore), Francesco Rutelli (Presidente ANICA), Paolo Masini Presidente Roma bpa, Laura Delli Colli (Presidente SNGCI), Franco Mariotti (giornalista ex uff. stampa di Cinecittà), Prof.ssa Luciana Della Fornace (Agis Scuola).

Enzo De Camillis debutta nel 1977 come aiuto scenografo di Dante Ferretti nel film “Il Mostro” di Luigi Zampa. Collabora per diversi anni con l’Arch./Scenografo Andrea Crisanti. Come scenografo ha collaborato con registi di chiara fama come; Steno, Pasquale Squitieri, Giuseppe Tornatore, Francesco Rosi.
Con “Il Coraggio di parlare” di Leandro Castellani riceve dal Mibac e Istituto Luce il “Premio Qualità per la scenografia”. Dal 2011 ad oggi è direttore artistico del premio de “La Pellicola d’oro”, riconoscimento ai mestieri e agli artigiani del cinema italiano. Premio Collaterale riconosciuto alla mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
Debutta alla regia nel 2009 con “19 giorni di massima sicurezza” con Luisa Ranieri. Segue “Uno Studente di Nome Alessandro” Nastro d’Argento 2012.
Nel 2014 realizza “Un Intellettuale in Borgata” e nel 2018 “Le Periferie di Roma”.
Il suo sguardo registico è periferico sia a livello geografico che antropologico, ovvero “pasolianamente” verso gli ultimi, è accompagnato da una sana rabbia etica contro le ingiustizie, focalizzando nei suoi lavori i problemi e le violenze sociali che oggi caratterizzano la vita quotidiana.

Check Also

“PANNI AL VENTO”, IL NUOVO LIBRO DI ALESSANDRA IANNOTTA

L’esplorazione dell’io nascosto cristallizza in questa di centouno poesie pubblicata da L’Erudita, con la prefazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *