Breaking News

ANALOGICA ARRIVA ALL’AMOD

Questa sera alla Sala Zavattini per rivivere il Cinema artigianale

Mercoledì 23 ottobre, dalle ore 19:00, la Sala Zavattini dell’AAMOD ospiterà un programma di proiezioni di ANALOGICA SELECTION con cinque film che saranno presentati in versione originale
ANALOGICA è una piattaforma che nasce per stimolare e sostenere la divulgazione e la conoscenza dell’utilizzo di tecnologie analogiche nella pratica artistica e creativa, supporta il cinema di ricerca e sperimentale e sostiene filmmaker e artisti che lavorano con la pellicola, in particolare 16mm e super8. ANALOGICA SELECTION è il programma annuale di film promosso da ANALOGICA attraverso un tour di proiezioni nazionali e internazionali.

IL PROGRAMMA:
Where We Stand
di Lindsay McIntyre 05′ 12” / 16mm / experimental /
2015 / USA

Where We Stand è un ritratto inquietante di teatri girati su emulsione da 16mm fatta a mano. Con un forte impegno nel mantenere il linguaggio del film, Where We Stand dà una buona occhiata al fragile futuro dei film realizzati in questa era digitale.

Lindsay McIntyre (MFA / Inuk / Settler) è un artista cinematografico canadese con una pratica analogica basata sul processo che tratta temi di ritrattistica, luogo, forma e storie personali. Si interessa dell’apparato del cinema, della rappresentazione e colmare le lacune in esperienza collettiva. Applica il suo interesse per la chimica dei film, l’emulsione e le tecnologie analogiche per realizzare pluripremiati cortometraggi 16mm e ampliare le prestazioni cinematografiche.

New Woman
di Rita Tse
26′ 16” / 16mm / Experimental /
B&W and Color / Canada / 2017

New Woman è un viaggio meditativo che indaga l’aspetto della “New Woman” nello schermo muto cinese. Attraverso l’utilizzo di filmati d’archivio con sottotitoli derivati anche dai film muti cinesi, il film esplora le prospettive patriarcali nella rappresentazione delle donne nel cinema muto cinese e decostruisce le loro apparizioni per rivelare il talento e le prospettive impressionanti della “Nuova Donna”, che sono stati in gran parte ignorati e dimenticati. Il film presenta quattro sezioni tematiche: Virtue, Modeng Woman, Unbound Feet e New Woman. Il filmato di ciascuna sezione è stato rielaborato in modo diverso utilizzando l’elaborazione e la manipolazione manuale pertinenti tecniche, tra cui tonificazione, reticolazione, solarizzazione, stampa a contatto e lavorazione del caffè.


Rita Tse, nata e cresciuta a Hong Kong, ha iniziato la sua carriera nella progettazione grafica. Lei allora ha conseguito un BFA in Film con un minore in Studi d’arte e cultura presso Simon Fraser Università di Vancouver. Il suo film di laurea, EastBound (2004), è stato selezionato per numerosi festival cinematografici e ha ricevuto il premio Norman McLaren offerto dal
National Film Board of Canada. Dopo aver lavorato in diverse posizioni per l’Hong Kong International Film Festival per alcuni anni, ha recentemente terminato il suo MFA in produzione cinematografica alla York University di Toronto.

Anche in paradiso non è bello essere soli
di Lorenzo Gattorna /
8′ 6” / normal8 / experimental / documentary /
2017 / USA – Italy

“In memory of Nonno Pierino”


Lorenzo Gattorna è un regista, istruttore e programmatore di New York. I suoi film sono stati proiettati con ARKIPEL, CUFF, FRACTO, Image Forum, LOOP, Microscope Gallery e NYFF.
Ha programmato proiezioni per Anthology Film Archives, Antimatter, Maysles Cinema, Sight Unseen, The Nightingale e UnionDocs.

As tides go by
di Stefanie Weberhofer
12′ 25” / super8 / experimental /
2018 / Austria and Italy

Con la morte di sua nonna, il desiderio del cineasta per una vacanza in famiglia era apparentemente insoddisfacente. Combinando le riprese del film Super8 di cinque decenni, il regista invece a soddisfare questo desiderio.
Il cambiamento di generazioni sembra essere bloccato dalla continuità della tecnologia cinematografica, confondendo i limiti del tempo nella baia di Lignano, in Italia.


Stefanie Weberhofer è una cineasta austriaca e artista multimediale che lavora con Super8, 16mm e pellicola da 35 mm. Esplora varie tecniche fai-da-te per creare cortometraggi e opere per il regno del cinema espanso.

Nutrition Fugue
di Péter Lichter
04′ / 35mm found footage / experimental / documentary /
2018 / Hungary

“Közért” (traduzione: “per il pubblico”) era una catena di negozi di proprietà del governo in Ungheria, durante l’era comunista (1948-1989). La parola Közért è ancora usata nella lingua ungherese. Il film è stato tratto dal materiale grezzo di celluloide da 35 mm della sua pubblicità: le strisce di pellicola sono state scavate nel terreno, marce di cibo e tagliate a pezzi.


Péter Lichter è un regista sperimentale. Ha pubblicato due libri di poesie all’età di 16 e 20 anni. Ha studiato storia del cinema e teoria del cinema all’Università ELTE di Budapest. Scrive la sua tesi di dottorato sulla relazione tra cinema d’avanguardia americano e film di fantascienza. Peter realizza brevi filmati trovati, sperimentali astratti e documentari lirici dal 2002. I suoi film sono stati proiettati in festival e luoghi come: Tribeca Film Festival – New York; Rotterdam IFF; Oberhausen Film Festival; Cinema 16 – New York; EXiS – Seoul; VideoEX – Zurigo; MisALT – San Francisco; MIA – Los Angeles; Piani Premier di Angers; Klex – Kuala Lumpur; Director Lounge – Berlino; Settimana del cinema ungherese, ecc. È anche uno dei redattori del periodico cinematografico Prizma. Peter collabora frequentemente con il compositore Ádám Márton Horváth.

Ufficio stampa AAMOD: Elisabetta Castiglioni – info@elisabettacastiglioni.it

Cancella iscrizione | Invia a un amico

Check Also

SANREMO, IL DISACCORDO DELLA CLASSIFICA DEI BRANI IN RADIO

Mahmood con “Tuta gold” guida la classifica EarOne airplay radio. Il brano, in gara a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *