Breaking News
Home / Salute / CORONAVIRUS E ALIMENTAZIONE, IL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA IMMUNITARIO

CORONAVIRUS E ALIMENTAZIONE, IL RAFFORZAMENTO DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Prevenire il contagio seguendo un corretto regime alimentare si può, parola del Dott. Vladimiro Achilli

foto pubblicata da cassino.italiani.it

di Damiano Rulli

“I coronavirus umani a volte possono causare malattie del tratto respiratorio inferiore, come polmonite o bronchite. Questo è più comune nelle persone con preesistenti patologie croniche dell’apparato cardio-vascolare e/o respiratorio, e soggetti con un sistema immunitario indebolito…” queste parole  tratte dal sito del Istituto Superiore di Sanità (https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sintomi-diagnosi) ci incoraggiano a rafforzare il nostro sistema immunitario per contrastare un eventuale infezione da coronavirus.

Oltre alle importanti indicazioni per ridurre al minimo il rischio contagio da coronavirus  del Ministero della Salute ribadite da Marta Branca Direttrice dell’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ( che potete leggere qui https://www.mediafrequenza.it/2020/02/25/coronavirus-la-luce-dello-spallanzani/) da seguire pedissequamente possiamo rafforzare il nostro sistema immunitario, come?

Abbiamo rivolto questa domanda al dottor Vladimiro Achilli laureato medicina e chirurgia e ricercatore in malattie croniche del metabolismo.

Dott. Achilli,  è fondamentale seguire le istruzioni che vengono dal Ministero della Salute per limitare al minimo il  rischio di essere contagiati dal coronavirus, nella rara eventualità ciò avvenisse, come possiamo aiutare il nostro sistema immunitario a contrastarlo?

Riferendomi alle considerazioni salutistiche dall’intervista alla dott.ssa Marta Branca è determinante rammentare a tutti noi che prevenire pur con impegno è sempre meglio che curarsi solo quando la situazione è acuta!

La nostra salute è determinata in parte dagli eventi esterni ma in buona parte da come gestiamo la nostra stessa esistenza e la qualità del nostro esistere comportamentale, sociale, personale ed anche alimentare, non è argomento da pronto soccorso ma abitudine quotidiana che può essere determinante in qualsiasi situazione patogena in cui veniamo coinvolti

La nutrizione può rientrare, ad esempio,  nella prevenzione ( ma anche cura) quotidiana :

L’aminoacido fisiologico LISINA ha  anche funzione antivirale  e, pur non equiparandolo ad un qualche antivirale specifico di laboratorio, tende a proteggerci da molte situazioni infettive. Ci è sufficiente  inserire nell’alimentazione Grana , pecorino, lievito secco (compresse) uovo, amaranto e carne di manzo adulto (magari macinata si assimila meglio).

L’enzima UBIDECARENONE protegge la cellula dagli eventi patogeni ed  è forse il massimo strumento autoprotettivo umano. Viene stimolato mangiando alcuni cibi fra cui il salmone, le arachidi (attenzione alle allergie individuali) , spinaci e broccoli (cotti a vapore per breve tempo).

Il miglior detossificante umano è il GLUTATIONE che in qualsiasi patologia tende a contrastare l’eccesso di tossine prodotte dall’infiammazione in atto, aumentando le nostre capacità reattive immunitarie. Lo sollecitiamo mangiando spinaci crudi , asparagi.

Inoltre il limitare lo stress esistenziale ed il contatto con sostanze inquinanti ambientali (in ambito lavorativo, alimentare, fumo alcool e qualità dell’aria) può essere la prevenzione massima possibile ed è cura di ciascuno farsene carico nei limiti del possibile.”

È bene ricordare che avere un corretto stile di vita, una alimentazione sana e varia  deve essere quotidiana abitudine e non semplice esercizio da praticare solamente in casi di particolare emergenza come quella che stiamo vivendo.

Check Also

CORONAVIRUS, DALLA CINA IL VACCINO SICURO

Prova d’esame superata per il vaccino BBIBP-CorV. I risultati ottenuti su 600 volontari E’ il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *