Breaking News
Home / Attualità / COSI’ ROMA RICORDA PETROSELLI

COSI’ ROMA RICORDA PETROSELLI

Online dal 27 settembre un documento esclusivo che ricorderà la vita del sindaco più amato di Roma

il sindaco Luigi Petroselli

In occasione del quarantennale dall’elezione di Luigi Petroselli a Sindaco di Roma, l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD), il regista Andrea Rusich, la famiglia Petroselli e l’ideatore del documentario Paolo Masini presentano il documentario sulla vita del sindaco più amato della città nella sua versione integrale e disponibile a tutti: Il Sindaco Petroselli di Andrea Rusich sarà infatti on line dal 27 settembre p.v. sul canale YouTube e sul sito ufficiale dell’AAAMOD.

“Vogliamo così mettere a disposizione dei romani, e non solo, il documentario sul sindaco più amato e rispettato – affermano Paolo Masini e Andrea Rusich – ricordando la sua storia, il suo attaccamento alla città, ai romani e al bene comune, ma soprattutto il suo esempio sempre più importante in un momento in cui la politica si allontana sempre più dalle persone. Petroselli ci ha lasciato in eredità una città nuova e orientata verso il futuro, sicuramente più umana e ricca di un rigenerato senso di comunità. Perché questo è il ritratto di Petroselli: un politico fra la gente semplice, un sindaco che ha aperto le porte della sua casa ai cittadini, un uomo che ha saputo unire invece di dividere”.

Il Sindaco Petroselli raccoglie racconti inediti e testimonianze, in un percorso emozionante ricostruito tramite immagini inedite e delicate interviste ai familiari, amici di una vita, collaboratori, colleghi e avversari politici tra i quali Gianni Borgna, Renato Nicolini, Vezio de Lucia, Walter Veltroni, Goffredo Bettini, Tonino Lo Vallo e tanti altri. I preziosi materiali di repertorio provengono dal patrimonio dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.

Ufficio stampa AAMOD: Elisabetta Castiglioni e-mail: info@elisabettacastiglioni.it

Check Also

“Il ritorno a scuola farà bene (anche) alla vista”

Gli oculisti dell’IRCCS contro la “computer vision syndrome” raccomandano il ritorno a libri e lavagne …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *