Breaking News

“ECONOMIA DI GUERRA”, IL PERICOLOSO MANTRA PER I PAESI DELL’ALLEANZA

In un’intervista rilasciata alla televisione portoghese il massimo funzionario militare della NATO ha un collettivo cambio di mentalità per virare consapevolmente verso il riarmo

L’economia dei paesi della Nato passa attraverso la logica della guerra. E’ quanto ha spiegato Il presidente del Comitato militare della NATO, l’ammiraglio olandese Rob Bauer in un’intervista rilasciata sabato all’emittente televisiva portoghese RTP riferendosi elle esigenze dell’Ucraina di fronte all’assedio russo.

“Abbiamo bisogno di aumentare la produzione dell’industria della difesa e già se ne parla sempre di più a livello nazionale. Ciò potrebbe significare dare priorità a determinate materie prime, a determinate capacità produttive necessarie per l’industria della difesa piuttosto che per quella civile. Queste priorità dovrebbero essere discusse, in parte, su un’economia di guerra in tempo di pace”, ha dichiarato Bauer spiegando poi come le ingenti perdite materiali e tecniche dovute alla guerra abbiano accentuato la fragilità dell’approccio economico avuto nell’ultimo quarto di secolo e la conseguente necessità di un cambiamento.

“Entrambe le parti spendono molte munizioni e materiale distruttivo: carri armati e aerei. Entrambe le parti hanno bisogno di acquistare molte materie prime e munizioni per continuare a combattere. Il problema per entrambi è che l’industria della difesa in Occidente e in Russia deve aumentare la propria produzione”, ha proseguito Bauer richiamando la popolazione a un cambiamento di mentalità e indicando il riarmo come priorità dei Paesi dell’Alleanza.

Check Also

Sergio Múñiz e il racconto nuovo del bullismo, tra formazione e intrattenimento

Sergio Múñiz e Bewow Edu “Insieme”, nel nuovo progetto multimediale didattico diretto da Marco Carlucci per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *