Breaking News

IL TEMA DELL’ABBANDONO NEL NUOVO ROMANZO DI MARCO GOTTARDI

A un paio d’anni di distanza da Testamento, lo scrittore Marco Gottardi torna in libreria con un nuovo romanzo intitolato Le negazioni, pubblicato dalla romana Emersioni (diretta dallo scrittore Michele Caccamo) e disponibile da febbraio 2022 in tutta Italia

Il terzo romanzo dell’autore trevigiano (che ha all’attivo una quindicina di titoli tra poesia, guide, saggistica e narrativa) è una bella storia ambientata in un piccolo paese di provincia dove, dopo sedici anni di assenza, fa ritorno Valter, il protagonista del libro nonché il narratore in prima persona della vicenda. È dalla sua voce, intima e profonda, che il lettore viene condotto nei meandri di un ritorno a casa dettato dalla contingenza della morte del padre, un padre che Valter ha abbandonato in giovane età per inseguire i suoi sogni di gloria e che adesso è costretto in qualche modo a cercare di conoscere.

È questa difficile riappropriazione di sé e del proprio passato, che raccontano Le negazioni, in un percorso fatto di ombre e passioni mai del tutto sopite, di illusioni e riscoperte. E la prosa di Marco Gottardi asseconda con uno stile caldo e calibratissimo le contrazioni di una ricerca che si agita ora per piccoli sommovimenti, ora per burrasche fragorose, in un ondivago divenire che la parola dello scrittore, sempre vivida e presente anche quando si fa evocazione poetica, descrive con naturalezza, nei modi di una confessione autentica e per questo coinvolgente.

Prima del finale a sorpresa, nel romanzo trovano spazio (come di consueto nella letteratura fin qui proposta da Marco Gottardi) i grandi temi e le passioni che attraversano l’esistenza umana: l’amore, il perdono, la colpa, l’egoismo, il senso di questo nostro perdurare tra menzogne e facezie. Ma tutto resta circoscritto alla particolare vicenda di Valter, professore universitario che ha smarrito la bussola e cerca una nuova direzione per la sua vita, forse senza nemmeno saperlo, di certo senza esserne troppo convinto, almeno all’inizio. È la redenzione di quest’uomo il perno su cui ruotano Le negazioni, che ricompongono in maniera sbalorditiva e toccante una storia che all’inizio è solo un cumulo di frantumi sparsi, facendo riscoprire al lettore il valore di un ritorno a casa che è in ultima istanza la costruzione di un perdono.

Check Also

CON IL FLAUTO MAGICO ANCHE I BAMBINI VOGLIONO L’OPERA

Il Flauto magico di Mozart: il nuovo libro di Paolo Menconi per avvicinare i bambini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *