Breaking News
Home / Cinema / ANTONIO COSTA DETTO LIGABUE, ORA SUL GRANDE SCHERMO

ANTONIO COSTA DETTO LIGABUE, ORA SUL GRANDE SCHERMO

In uscita il 27 febbraio il film diretto da Giorgio Diritti e interpretato da Elio Germano

di Davide Iannuzzi

Sarà impegnativa e appassionante l’ìmpresa che spetta ad Elio Germano, quella di sostituire nell’immaginario collettivo la superba interpretazione di Flavio Bucci nei panni del pittore Antonio Costa, meglio conosciuto come Ligabue, con la propria nel prossimo film in produzione per il Cinema di Giorgio Diritti intitolato “Volevo nascondermi”. Ma gli effetti catalizzanti del grande e piccolo schermo hanno percorsi e modalità diverse e il talento istrionico dell’attore romano sarà la vera discriminante contro l’ingombro del passato.
Il riconosciuto caso clinico del noto pittore nato a Zurigo il 18 dicembre del 1899 e morto a Gualtieri il 27 maggio del 1965 che era affetto da rachitismo e frequentemente vittima di espisodi di schizofrenia è un soggetto ghiotto per l’esercizio di narrazione, e il provato talento trasformistico di Elio Germano è la scommessa perfetta di Rai Cinema e Palomar nell’asset produttivo con il contributo della Regione Emilia-Romagna e di 01 Distribution per l’uscita al pubblico fissata al 27 febbraio.
Il regista Giorgio Diritti commenta così il soggetto dall’impegnativo confronto artistico: “Si può nascere con una fisicità sgraziata, una mente velata da una moderata follia, ci si può sentire sbagliati, soli, o avere voglia di nascondersi per la ‘vergogna di esistere…’ ma si può credere nel proprio talento e farlo diventare l’occasione del riscatto – dice il regista -. C’è sempre un modo per essere se stessi ed essere amati e Toni Ligabue lo voleva senza mollare mai”. Oltre a Elio germano il casto comprende Oliver Ewy (Ligabue da adolescente), Leonardo Carrozzo (Ligabue da bambino), Pietro Traldi (Renato Marino Mazzacurati), Orietta Notari (la madre di Mazzacurati), Andrea Gherpelli (il pittore Andrea Mozzali), Denis Campitelli, Filippo Marchi, Maurizio Pagliari, Francesca Manfredini, Paola Lavini e Gianni Fantoni.

Check Also

ADDIO GIGI, INIMITABILE PERFORMER DI TEATRO E SIMBOLO DI ROMANITÀ

Gigi Proietti si è spento questa notte nella clinica di Villa Margherita dopo dopo due …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *